Tag: Rulles

Sindrome da Villaggio

Se bastassero i numeri a descrivere la realtà, allora per il Villaggio di quest’anno si potrebbe dire che “è stato davvero un successo!” Birrai e birrifici mai così numerosi, 30 birre alla spina più dello scorso anno (quando erano state 75), consumi raddoppiati rispetto allo scorso anno nel Venerdi del pre-Villaggio, numero complessivo dei partecipanti quasi raddoppiato rispetto alla scorso anno, i quattro laboratori (uno in più rispetto allo scorso anno) sold out. Per non parlare della quantità di cibo consumato e della birra bevuta. Numericamente, quindi un vero e proprio boom. Ma i numeri (che pure ci riempiono di orgoglio) non bastano per “rendere ragione “del Villaggio, che è questo, ma anche altro. Rubo due espressioni che altri hanno già scritto per cercare di descriverlo. La prima è di Giada, di Magic Rock, che nel parlare del Villaggio e della sua gente, ha scritto che “dal Villaggio mi sono portata a casa tanta umanità”.  E’ questa la gente che ci siamo tirati su, lungo questa cavalcata che dura ormai da otto anni: della bella, bellissima gente, che viene sicuramente per bere buona birra, ma che da altrettanta importanza alla convivialità, allo “stare bene”, alla curiosità nei confronti della novità, alla buona educazione (mai da dare per scontata). L’atmosfera del Villaggio è difficile da descrivere a chi non l’ha mai assaporata, ma è inconfondibile per chi l’ha potuta gustare almeno una volta. E nonostante i numeri-monstre di quest’anno, l’imprinting non è andato perduto, anche se “con il cambio di location abbiamo...

La Lista delle Birre 2013

Ce l’abbiamo quasi fatta..ecco la lista delle Birre presentate al Villaggio..ma sicuramente scappa fuori qualche sorpres   Boelens Brouwerij, Belsele, Belgium BOELENS DUBBEL KLOK – Style: Dubbel, ABV: 8.5% BOELENS J.TIJM – Style: Spice/Herb/Vegetable, ABV: 8.5% BOELENS TRIPEL KLOK – Style: Abbey Tripel, ABV: 8.5%   Den Hopperd Bio-Brouwerij, Westmeerbeek, Belgium DEN HOPPERD HOP HOPPERD TRIPEL – Style: Abbey Tripel, ABV: 8% DEN HOPPERD KAMELEON GIN SENG – Style: Spice/Herb/Vegetable, ABV: 6.5%     Birrificio Barley, Maracalagonis (CA), Italy BARLEY DUENNA – Style: Saison, ABV: 6.2% (Bott.) BARLEY MACCA MEDA – Style: Amber Ale, ABV: 7.8 (Bott.) BARLEY TUVI TUVI – Style: Golden Ale/Blond Ale, ABV: 6.2% (Bott.)     Tonino Bacelle, Wevelgem, Belgium BACELLE JANUS TRIPEL. Style: Tripel, ABV: 8%     Kerkom Brouwerij, Kerkom-Sint Truiden, Belgium KERKOM BINK BLOND. Style: Belgian Ale, ABV:5.5% KERKOM BINK HOPVERDOMME IPA. Style: Indian Pale Ale, ABV:7% KERKOM WINTERKONINKSE. Style: Belgian Dark Ale, ABV: 8.3%     Brasserie de la Senne, Bruxelles, Belgium DE LA SENNE PAPAIPA. Style: India Pale Ale, ABV: 7.2% DE LA SENNE STOUTERIK. Style: Stout, ABV: 4.5% DE LA SENNE TARAS BOULBA. Style: Belgian Ale, ABV: 4.5% DE LA SENNE JAMBE DE BOIS. Style: Tripel, ABV: 8%   Brouwerij De Ranke, Wevelgem, Belgium DE RANKE GULDENBERG. Style: Abbey Tripel, ABV: 8% DE RANKE NOIR DE DOTTIGNIES. Style: Belgian Strong Ale, ABV: 9% DE RANKE SAISON DE DOTTIGNIES. Style: Belgian Ale, ABV: 5.5% DE RANKE XX BITTER. Style: Belgian Ale, ABV: 6.2%   Brasserie Sainte Hélène, Hete-Belmont, Belgium SAINTE HELENE BARLEY WINE. Style: Barley Wine, ABV: 12% SAINTE...

12, per ora…

Sette sono gli italiani: Toccalmatto Extraomnes Foglie d’Erba Loverbeer Barley Birrificio del Ducato Olmaia Quattro sono gli “europei“: Nøgne Ø Haandbryggeriet Emelisse Magic Rock Adesso è la volta dei belgi, l’ “altra” anima del Villaggio della Birra. Abbiamo fatto tutti gli inviti che volevamo fare: ad oggi in tredici ci hanno confermato la loro presenza, e cioè    1. Brouwerij Boelens: è sempre stato con noi, presente tutti gli anni dal 2006 ad oggi. Kris non poteva e non doveva mancare nemmeno quest’anno. 2. Brouwerij Den Hopperd: Bart Desaeger, il sempre-presente, come Kris e Moreno dell’Olmaia. Uno di casa (nostra), dietro le spine 3. Brasserie de la Senne: dopo un anno di pausa, tornano al Villaggio le birre di Yvan de Baets e Bernard Leboucq, le anime del birrificio di Chaussè de Gand, nella periferia di Bruxelles. Ci hanno comunicato la lista delle birre che porteranno e spilleranno di persona a Bibbiano: una sola parola. Impressionante 4. Brasserie la Rulles: un ritorno, anche questo, cercato, voluto, graditissimo. Gregory Verhelst torna a Bibbiano e si mette dietro le spine, come tante volte ha già fatto da noi. Meno male 5. Microbrouwerij Den Triest: la prima new entry al Villaggio di quest’anno. Arriva dalle nostre parti Marc Struyf, che porta da Kapelle-op-den-Bos le proprie birre, che già tanto favore di pubblico hanno riscosso 6. Brouwerij De Ranke: Nino Bacelle, un ospite fisso in queste ultime edizioni del Villaggio. E anche nel prossimo settembre ci sarà, portando una gradita sorpresa, la Janus, una triple brassata in...

I Laboratori al Villaggio 2011

Come ogni anno al Villaggio della Birra ci saranno degli imperdibili Laboratori di degustazione affidati all’esuberante e competente Kuaska(Lorenzo Dabove, unanimemente considerato il maggiore esperto di birre in Italia) affiancato quest’anno da Jean-Francois Herbecq (giornalista televisivo della rete nazionale Belga). Anche quest’anno ospiteremo Ben Vinken (www.beerpassion.com) che con l’aiuto di Alberto Laschi (www.inbirrerya.com) , la domenica alle 18e30 proporrà un Laboratorio incentrato sugli abbinamenti tra birra e formaggi. Di seguito il programma. Kuaska (Lorenzo Dabove) e Jean-Francois Herbecq presenteranno una birra per birrificio alla presenza dei mastrobirrai. La degustazione sarà accompagnata da salumi e formaggi tipici locali. Prenotazione Obbligatoria, costo 22 euro – Info>>>>>>> Foglie d’Erba con Songs from the Wood (Imperial Stout con gocce di resina di pino mugo) Glazen Toren con Saison d’Erpe-Mere Den Hopperd da definire De Leite con Femme Fatale Lion à Plume con Carioca Schelde con Dulle Griet Tilquin con Lambic blend unfermented Kuaska (Lorenzo Dabove) e Jean-Francois Herbecq presenteranno una birra per birrificio alla presenza dei mastrobirrai. La degustazione sarà accompagnata da salumi e formaggi tipici locali Prenotazione Obbligatoria, costo 20 euro – Info>>>>>>> Cazeau con Tournay Blond De la Senne da definire Hof ten Dormaal con Hof ten Dormaal Wit Goud Olmaia con Karkadé (in fusto) Hofbrouwerijke con Hoftrol Saint Hélène da definire Kuaska (Lorenzo Dabove) e Jean-Francois Herbecq presenteranno una birra per birrificio alla presenza dei mastrobirrai. La degustazione sarà accompagnata da salumi e formaggi tipici locali Prenotazione Obbligatoria, costo 20 euro – Info>>>>>>> Boelens con Viking De Ranke con Noir de...

Villaggio 2010

16 birrifici (+area Lambic e Oud Bruin) e 55 birre in degustazione. 1475.30 euro donati all’Associazione per la Ricerca sul Cancro. Ospiti Kuaska (Lorenzo Dabove) e Ben Vinken. Archivio Edizione 2010 Alcune impressioni sistematiche e “ragionate”, su quella bella esperienza che è stata il Villaggio di quest’anno, il quinto (forse il più faticoso, per noi). 1. La “rivincita del consumatore” la definirei, o “della sua evoluzione“. Il beershop all’interno del Villaggio è, per certi versi, postazione privilegiata e termometro adatto a misurare con una certa efficacia la temperatura della passione e della competenza. Quest’anno sono stato testimone di una vera e propria inversione di tendenza: se fino all’anno scorso la percentuale di coloro che acquistavano “autonomamente” (cioè senza aver bisogno di “un aiutino” o di dritte) si aggirava sul 20% circa, quest’anno si è più che quadruplicata. 8 “acquirenti” su 10 sono arrivati al beershop dicendomi: “voglio quella, quella e quella …”. Un bel segnale, non c’è che dire. 2. “Della civiltà del parlare“. Al Villaggio c’è verso farlo, mettersi, cioè, a sedere (o anche piazzarsi in piedi in qualche angolo tranquillo) e parlare più o meno amabilmente, soprattutto di birra e di birre, ma anche del più e del meno. E’ una dimensione, questa, che tante persone ci hanno fatto notare, con evidente piacere. E’, questo, uno dei valori aggiunti che le persone che frequentano il Villaggio hanno regalato a questo evento/manifestazione, sempre più caratterizzata dalla gente che lo frequenta, oltre che dalle birre che vi si possono trovare....

Report sul Villaggio della Birra 2007 da “I Birranti”

Pubblichiamo con piacere il report sull’edizione del 2007 del Villaggio della Birra. Autore Marco Pasquini dell’Associazione I Birranti di Firenze. Con largo anticipo sull’edizione 2008 (sempre meglio che dire in mostruoso ritardo sull’edizione 2007…) presentiamo questo nostro resoconto sulla giornata vissuta dai Birranti in terra senese presso Il Villaggio della Birra 2007 di Bibbiano. Una trasferta che per la neonata associazione di “degustatori fiorentini” si prospettava molto interessante e coinvolgente. Moltissimi gli spunti d’interesse: trovare in un unico luogo produttori artigianali italiani e belgi; poterne assaggiare la produzione; conoscere Kuaska e seguirne una degustazione guidata. Motivi sufficienti mettersi in marcia alle porte di Firenze in una generosa domenica di sole di settembre. Per un ciclista come me percorrere le rotte che di lì a poco avrebbero ospitato l’Eroica, cicloturistica manifestazione con biciclette e vestiti d’epoca, è stata una vera emozione. E ancora emozionante è stato avere l’impressione di perdersi nella campagna senese, come se fosse un film di Monicelli, e, all’improvviso, trovarsi in un’oasi che offre solo birra. I Birranti, ligi al loro status, hanno subito cominciato a delimitare il campo: qui si beve, qui forse si mangia lì ci si siede e si ragiona (forse…) in attesa della degustazione di Kuaska. Sotto il tendone dell’ospitalità lunghi tavoli accolgono i vari commensali, tra i quali campeggia lo striscione dell’Ars Birraria. Incontriamo anche Nicola Utzeri, editore di Fermento Birra. Ma il centro del mondo è vicino alla rustica struttura che ospita il TNT Pub (menzione d’onore all’opera di Max Bunker e Magnus)....

Villaggio ’07: il report di Kuaska

Tenevamo molto, Gianni, io e tutto lo staff del TNT a questa seconda edizione dopo il seme gettato l’anno scorso in una prima edizione sconvolta dal maltempo ma già rivelatrice di grandi potenzialità. Una telefonata al Papa bavarese (in attesa di un papa belga) e una danza del sole avevano sortito il giusto effetto. Bel tempo, programma allettante, grandi birre, possibilità di incontrare i birrai e di conseguenza grande affluenza sia dello “zoccolo duro” sia di facce nuove, sempre gradite. L’idea di sposare piccoli produttori rigorosamente artigianali belgi ed italiani si è rivelata davvero vincente. Da assiduo frequentatore di festival belgi, sia grandi sia minuscoli, posso tranquillamente affermare che al Villaggio si respirava la stessa rilassata e al tempo stesso eccitante atmosfera. Se non fosse stato per i pici con l’aglione al posto delle moules et frites, si sarebbe potuto pensare di essere a Zottegem o Putte invece che a Buonconvento! Piccoli produttori e grandi birre dicevo, passiamoli in rassegna! Baciato dal sole è tornato il rubicondo Kris Boelens che ha orgogliosamente coccolato la sua Bieken reduce dal premio assegnatole da noi del CAMRA/Bières Sans Frontières al GBBF 2006 e sfoderato una Pa Gijs alla spina davvero importante. Conferme pure da Bart Desaeger/Den Hopperd con una Kameleon Tripel degna della sua fama e una Ginseng molto interessante e da Achilles Van der Moer che aveva solo bottiglie per problemi di spedizione dei fusti ma la sua notevole Grand Cru ha lasciato il segno. Gradito ritorno del talentuoso Marc Limet/Kerkom con...

Il post-Villaggio (2007)

Stiamo riorganizzando i pensieri..e le foto da poi pubblicare sul Blog riguardo il Villaggio della Birra. Intanto pubblichiamo i primi post trovati sul web (vi invitiamo a scrivere commenti e critiche sul Festival e ad inviarci le Vostre foto!): Vi invitiamo a scrivere commenti e critiche sul Festival e ad inviarci le Vostre foto! “Un weekend bellissimo! Gianni Tacchini, perchè non sei nato a Rescaldina?Maledetto! Sapere che il TNT Pub esiste ma è a 400 km non si può sopportare. Bere una Oerbier Reserva, così, chiedendola alla cameriera come fosse una Ceres….e questate la porta pure, e se ne vuoi un’altra te la riporta! Avere alla spina la Mikkeler di Struise (130 ibu) o la loro stout…tutto questo normalmente…poi c’era il Villaggio.. Oh, c’erano anche i produttori ;-)) Kerkom..Boelens..Rulles..Den Hopperd ecc ecc con il meglio della loro produzione alla spina…e gli italiani…Almond…Olmaia..Borgo…e (tenetevi forte) Apricale ;-)))! E i laboratori, con altre birre guidati da Kuaska e quelli sul Toscano e il cibo e la gente…. Insomma, Settembre è un gran mese…ora qualche giorno di calma…e poi a Cheese! Ciao.Schigi.” ____________________________________________________ “Quoto tutto! Il TNT Pub gia’ di per se e’ un posto magico, un’oasi della birra sperduta nelle colline… se aggiungiamo il Festival diventa davvero speciale! Birrai belgi come al solito gentili e disponibili, e birrai italiani “gasati” che facevano spuntare sottobanco altre specialita’ e esperimenti oltre alle spine “ufficiali”; con punte di alto livello su entrambi i fronti. Notevole la ReAle extra, piu’ luppolosa della stessa Struise Mikkeller! (a...

Villaggio ’06 – Rassegna stampa

Il Villaggio della Birra 2006 – Il report di Kuaska Pioggia battente e conseguente stravolgimento della logistica (stand all’interno, laboratori nel pub, concerti annullati ecc.) non hanno scoraggiato Gianni e i suoi combattenti atmosfera particolare, bella e inedita in Italia cinque birrai belgi (quasi tutti per la prima volta nel nostro paese) e quattro italiani tutti rappresentanti birrerie piccole piccole, che servono le loro birre alla spina a fortunati ed intrepidi beerhunters che saltellano da una birra all’altra (a volte diversissime) con in mano il bellissimo bicchierino personalizzato (ottima idea). I fiamminghi erano proprio fiamminghi, stupendo non poco i nostri birrai (poco avvezzi al carattere chiuso e a volte respingente dei fiamminghi) i nostri non sanno che poi dopo il “disgelo” diventano latini e caciaroni mentre l’unico vallone (Grégory della Rulles) era proprio vallone (le sue risate assordanti anocra risuonano nella stanza destinata agli stand) i laboratori hanno avuto un gran successo e hanno riscaldato a dovere l’ambiente molti non hanno mancato l’occasione più unica che rara di ascoltare birrai poco conosciuti inparticolare è stata dura “intervistare muti” come Achilles e Bart (Den Hopperd) mentre Kris Boelens è stato il più brillante col suo inglese perfetto e idee “naturali” da tutti condivise le birre? beh se dico che le nostre non hanno sfigurato direi una bugia in quanto le nostre hanno…. trionfato! A parte la simpatia contagiosa dei nostri birrai, le birre erano buonissime. La Panada dei Troll era a dir poco favolosa, la Shangrila con le palle, Bi-Du con...

Iscriviti alla Newsletter

Immagini dal Villaggio

Foto Villaggio 2013

foto di Bernardo Bernardini (98)

Foto Villaggio 2012

IMG00525-20120908-0043

Foto Villaggio 2011

Bianca2011 (65)

Foto Villaggio 2010

SONY DSC

Foto Villaggio 2009

vill09-608x300

Foto Villaggio 2008

p9

Foto Villaggio 2007

IMG_3168

Foto Villaggio 2006

gruppo300