Tag: ranke

Villaggio 2011..tra 143 giorni!

Che detti cosi possono sembrare tanti, ma che invece, visti dalla parte di chi organizza è solo un poco più distante di domani l’altro. Sono, 143, i giorni che ci separano dal 9 settembre, il “nostro” d-day: è il giorno (meglio, la sera) in cui la sesta edizione del Villaggio della Birra di Bibbiano (…vicino Bruxelles) aprirà i battenti. Far girare tutto a regime non è facile, il Villaggio è “grosso”, ricco di appuntamenti e animato da tantissime persone: metterlo tutto insieme non è mai cosa semplice, ed è necessario partire per tempo. I primi da “far partire” sono, ovviamente i birrai, l’anima del Villaggio, che hanno bisogno dell’ovvio e necessario preavviso. I belgi sono già stati “avvertiti”: la visita annuale allo Zythos serve anche a questo, lo ha già raccontato Gianni in un suo post. I birrai belgi che hanno già confermato la propria partecipazione al prossimo Villaggio sono: Glazen Toren,  Boelens,  Cazeau,  Den Hopperd,  De Ranke,  Hof ten Dormaal,  Lion a La Plume, De Leite,  De la Senne,  St. Helene,  Hofbrouwerijke,  Scheldebrouwerij,  Sint Canarus Sono già 13: alcuni di loro ritornano per la sesta volta consecutiva al Villaggio; quelli che sono più “giovani” di frequentazione lo ritengono un momento già irrinunciabile; altri ancora vi arrivano per la prima volta (la Brasserie de La Senne) dopo avervi dovuto rinunciare in più di una occasione per tutta una serie di sfortunate coincidenze. E’, come sempre, un bel parterre, rappresentativo della classicità e della freschezza produttive del Belgio. E’ una bella...

Villaggio 2010

16 birrifici (+area Lambic e Oud Bruin) e 55 birre in degustazione. 1475.30 euro donati all’Associazione per la Ricerca sul Cancro. Ospiti Kuaska (Lorenzo Dabove) e Ben Vinken. Archivio Edizione 2010 Alcune impressioni sistematiche e “ragionate”, su quella bella esperienza che è stata il Villaggio di quest’anno, il quinto (forse il più faticoso, per noi). 1. La “rivincita del consumatore” la definirei, o “della sua evoluzione“. Il beershop all’interno del Villaggio è, per certi versi, postazione privilegiata e termometro adatto a misurare con una certa efficacia la temperatura della passione e della competenza. Quest’anno sono stato testimone di una vera e propria inversione di tendenza: se fino all’anno scorso la percentuale di coloro che acquistavano “autonomamente” (cioè senza aver bisogno di “un aiutino” o di dritte) si aggirava sul 20% circa, quest’anno si è più che quadruplicata. 8 “acquirenti” su 10 sono arrivati al beershop dicendomi: “voglio quella, quella e quella …”. Un bel segnale, non c’è che dire. 2. “Della civiltà del parlare“. Al Villaggio c’è verso farlo, mettersi, cioè, a sedere (o anche piazzarsi in piedi in qualche angolo tranquillo) e parlare più o meno amabilmente, soprattutto di birra e di birre, ma anche del più e del meno. E’ una dimensione, questa, che tante persone ci hanno fatto notare, con evidente piacere. E’, questo, uno dei valori aggiunti che le persone che frequentano il Villaggio hanno regalato a questo evento/manifestazione, sempre più caratterizzata dalla gente che lo frequenta, oltre che dalle birre che vi si possono trovare....

Il mio Villaggio ’09

di Steven Vermeylen Il sole è già alto quando io, Steven Vermeylen, e Jef Goetelen dell’Hofbrouwerijke, arriviamo in questo pezzo di paradiso che è la Toscana dopo 10 ore di macchina. Dopo una pizza ed un bicchiere di Vernaccia mangiato a Siena ci dirigiamo verso Buonconvento. Li, in questo microscopico villaggio di Bibbiano c’è stata una grande festa della birra. Siamo stati ricevuti come Principi da Gianni e Vanessa e da tutto il loro staff.. un casale immerso nella campagna.. un aperitivo nell’azienda Castelnuovo Tancredi con vini di un’eccellenza inqualificabile, una cena al TNT che ancora ricordo accompagnata dalle “necessarie” birre belghe. La grappa sul tavolo ci ha fatto finire questa magnifica prima serata e ci ha riscaldato per i successivi due giorni di Festival Il sabato a mezzogiorno eravamo già tutti ai posti di combattimento. Io, insieme a Thierry e Bianca, ero all’angolo del Lambic che, a mia meraviglia, ha riscosso un gradimento non indifferente. Le birre: prima di iniziare con le italiane, mi sono fatto un giro per scoprire le novità che i birrai belgi promuovevano al Villaggio: Serafijn Heksemie (con luppoli americani) e la Kameleon Villaggio, una versione Light della Triple ma con in più del dryhopping. Le italiane: già qualcosa, sempre grazie a Gianni e Lorenzo, avevo avuto la possibilità di testare durante il Vilvordia Festival. Qui ho provato una Macca Meda ed una Zagara molto piacevoli (la Friska mi ha un po’ deluso); del Baladin ricordo il fruttato della Nora; Maltus Faber.. birre ottime, soprattutto...

Gli Homebrewers invadono il Villaggio ’09

di Marco Piraccini aka Darkav Foto di Mario Capuano Web Album Anche quest’anno, come un’orda barbarica armati di bottiglie senza etichetta e di un incredibile entusiasmo, gli homebrewer hanno invaso il Villaggio della Birra a Bibbiano. La novità di quest’anno è stata il coinvolgimento di MoBI (www.movimentobirra.it) nell’organizzazione dell’incontro. MoBI, che ha tra i suoi scopi la promozione e la diffusione dell’Homebrewing, ha accettato con entusiasmo di supportare questo evento. Domenica pomeriggio subito dopo pranzo, HB provenienti da tutta Italia hanno appoggiato le loro bottiglie in file ordinate su un tavolo appositamente predisposto. Solitamente questi incontri, molto divertenti e informali, servono anche per avere feedback sulle proprie birre. Spesso infatti gli HB, in particolare modo quelli più “isolati”, non hanno mezzi per confrontare le proprie produzioni. Inoltre le birre dei produttori casalinghi vengono considerate dagli HB stessi come dei figli, di cui spesso (troppo spesso…) non si riescono a vedere i difetti. Per rendere quindi più interessante l’incontro, quest’anno sono stati coinvolti alcuni dei birrai presenti al villaggio con l’obiettivo di dare giudizi “tecnici” e spassionati. Diversamente dai degustatori e dai giudici dei concorsi, infatti, i birrai sono in grado di dare consigli sulle materie prime e sul processo di produzione. Sono stati inizialmente coinvolti due tra i birrai presenti: Nino Baccelle (Brouwerij De Ranke) e Jef Goetelen (‘t Hofbrouwerijke). Le birre dei coraggiosi che hanno voluto sottoporsi a questo giudizio sono quindi state servite ai birrai e ai presenti. Nino e Jef, a unanime parere di tutti, si sono dimostrati estremamente disponibili e competenti. Per ogni birra chiedevano informazioni sugli ingredienti utilizzati (luppoli, malti, lieviti)...

Het dorp van het Bier! 2009!!

di Thierry & Bianca (http://www.bloggen.be/bier_in_beeld/) E’ la seconda volta che scendiamo in Italia e questa volta lo facciamo da protagonisti nel Villaggio della Birra. Dopo una prima tappa a Roma ci dirigiamo verso Buonconvento.  Alle 21 c’è Alberto ad aspettarci alla stazione che ci portaimmediatamente al TNT PUB dove veniamo accolti calorosamente da Gianni e dal suo staff e dove incominciamo a respirare (e bere.. ) l’atmosfera del festival. Passiamo la notte in uno splendido agriturismo, è incredibile la bellezza di ciò che ci circonda. Dopo la prima colazione ci tuffiamo nel nostro compito.. io e Thierry siamo gli “spillatori” ufficiali della De Dolle e già all’apertura molta gente ci si presenta con il bicchiere da degustazione da riempire. L’ambiente è molto rilassante anche se molto affollato e lo stile “belga” viene subito evidenziato da Kris Boelens che arriva da noi con le belgian fries caratteristiche avvolte nella carta e ci chiede un’Arabier. Nel primo pomeriggio arrivano anche Kuaska e Tim Webb e colgo l’occasione di farmi autografare il libro “100 belgian beers to try before to die”. Nel pomeriggio c’è stata un’affollatissima degustazione guidata da Kuaska , Tim Webb e Mike Tessier continuata in un Talk Show sul mondo della birra artigianale belga. La serata affollatissima si è conclusa, per noi, alla una di notte ma penso che i ragazzi dello staff siano andati a letto molto più tardi. La domenica , dopo una stupenda colazione, siamo ritornati ai  posti di combattimento.. Al “Villaggio” era già iniziata la cotta...

Villaggio ’09

15 birrifici(+ area Trappiste e Lambic) e 60 birre in degustazione. 883.30 euro donati All’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro. Ospiti Kuaska (Lorenzo Dabove), Tim Webb e Mike Tessier Erano all’incirca le 1,30 di notte di domenica scorsa, nel salutarci e nel farci i complimenti per la bella riuscita dell’evento (subito ricambiati, vista la eccezionale qualità delle loro birre) uno dei mastri birrai ci ha folgorati dicendoci: “siete davvero una macchina da guerra”. Nessuno ci aveva mai “inquadrati” in questo modo, ma non nascondo che questa frase “ad effetto” ci ha proprio fatto piacere e riempiti d’orgoglio. Orgoglio, e non superbia.  Orgoglio per una creatura, il Villaggio della birra di Bibbiano … vicino Bruxelles, che ogni anno cresce sempre più solida ed equilibrata; orgoglio perché abbiamo visto solo facce serene  e contente fra le tantissime persone che sono venute a trovarci; orgoglio perché i mastri birrai, belgi e nostrali, si sono dichiarati orgogliosi essi stessi di aver preso parte a questa grande kermesse. Quest’anno, più di ogni altro, dobbiamo ringraziare subito, e di cuore tutti gli amici, italiani e non, che ci hanno aiutato a “mettere in moto” questa macchina: non era facile, i giorni a ridosso sono stati particolarmente delicati. Partire è stato difficile, ma è stato bello poi viaggiare. Considerando il tutto, ci sentiamo di dire che il quarto anno del Villaggio è stato davvero l’anno della consacrazione. Visto adesso con il distacco dovuto,  il meccanismo appare più che rodato, gli automatismi quasi naturali, e le aggiunte/modifiche messe...

Gli Struise non saranno al Villaggio 2007

Di Seguito l’articolo degli Struise Brouwers, pubblicato questa notte sul loro sitoweb After a visit in March 2007 from Senor Lorenzo Dabove with a group of Italian beer enthusiasts at the Struise Farm, we were contacted by Senor Gianni Tacchini who is a friend of Lorenzo, to ask us if we wanted to present our beers on his prestigious festival. As we are always ready to reply positively on such demands, we started negotiations and in no time a decision was taken by both parties to present Struiselensis and Struise Mikkeller on draft at the coming Villagio della Birra next weekend on 15 and 16 September. At the time the two beers were not ready yet and still lagering, but as we had 6 months ahead of us, we were very confident that Gianni would have his two primeurs for the festival. Normally Struiselensis and Struise Mikkeller were to be ready for bottling in July. Weeks and weeks passed by, July passed too and we brewers regularly sampling both beers at the lagering tanks, and as the devil or Murphy even O’brien can be present in such cases, nowhere near they ended their lagering period. As a brewer may never lose his patience, we had to calm down everybody who was starting to wonder if they were ever going to get both brands. Furthermore we kept very silent at the time about this situation. It became really hot under our feet when half of August passed and still no green light from...

Iscriviti alla Newsletter

Immagini dal Villaggio

Foto Villaggio 2013

foto di Bernardo Bernardini (98)

Foto Villaggio 2012

IMG00525-20120908-0043

Foto Villaggio 2011

Bianca2011 (65)

Foto Villaggio 2010

SONY DSC

Foto Villaggio 2009

vill09-608x300

Foto Villaggio 2008

p9

Foto Villaggio 2007

IMG_3168

Foto Villaggio 2006

gruppo300