Tag: mobi

V Concorso HB Mo.Bi. al Villaggio

Appena pubblicato il regolamento per il V Concorso HB al Villaggio organizzato da Mo.Bi. Primo premio due notti in un B&B in Belgio (da sfruttare entro Marzo 2015). Seguite questo LINK Premiazione Concorso 2011 – HB Sardi al Gran Completo! Qui un video d’archivio..i lavori della Giuria nel 2010.

I Venerdi del Villaggio (#4)

Post del Venerdi dedicato, come al “solito”, agli aggiornamenti sul Villaggio del prossimo Settembre. Il programma generale della due giorni ha preso la sua configurazione definitiva, ed è consultabile nella apposita sezionedel sito web tutto dedicato al Villaggio. Tanto per essere subito pratici, Baby parking e Bus navetta anche quest’anno presenti e funzionanti: in molti ce lo avevano richiesto, tutti e due puntulamente disponibili. Un consiglio per chi avesse intenzione di pernottare nella zona: organizzarsi per tempo, le notizie che ci arrivano è che le prenotazioni siano già in numero significativo. Tutti i recapiti utili sono reperibili in questa sezione del sito del Villaggio. Passando alla parte più specificatamente  birraria, è già on-line il programma dei laboratori che come sempre animeranno i due pomeriggi del Villaggio. Quest’anno sarà il giornalista della TV belga Jean-Francois Herbecq ad affiancare Kuaska nei tre laboratori che gestirà fra sabato e domenica; la novità di quest’anno è il laboratorio che Ben Vinken (ospite quasi “fisso” del  Villaggio) guiderà domenica pomeriggio sull’abbinamento fra birra e formaggi. Tutti i laboratori sono a prenotazione obbligatoria: lo si può già fare on line. Imponente la batterie di birre che saranno presentate da Kuaska nei due giorni, alcune delle quali delle vere e proprie chicche e/o novità assolute. Solo per fare alcuni nomi in ordine sparso: la prima volta al Villaggio della Karkadè (Olmaia) alla spina, il quasi debutto ufficiale della Songs from the wood di Foglie d’Erba (una imperial stout aromatizzata con gocce di pino mugo); il debutto ufficiale...

Villaggio’s update #2

Secondo aggiornamento “in itinere”, lungo la strada che porta al Villaggio del prossimo Settembre. I contorni si stanno sempre più delineando, programma e protagonisti stanno cominciando a prendere sostanza, il quadro generale si sta piano piano componendo. Andando per gradi: gli ospiti. Lorenzo Kuaska Dabove non è un ospite, non lo è mai stato. E’ uno di casa, ed è’  “l’anima tecnica” dell’evento, lo è esempre stato, e anche quest’anno lo sarà, con i suoi tre laboratori in due giorni (due ala sabato e uno alla domenica), nei quali presenterà e parlerà con i birrai presenti al Villaggio. Lo “spalleggerà” Jean Francois Herbecq, giornalista della RTFB (l’equivalente della RAI in Belgio), suo amico di vecchia data, espertissimo del mondo brassicolo in generale e di quellobelga in particolare, la “spalla” ideale per Lorenzo. Stiamo aspettando che Jan Rumes, presidente dello Zythos, confermi la propria presenza; intanto è arrivata la conferma del patrocinio (anche per quest’anno) che l’ambasciatore del Belgio in Italia ha voluto riconoscere al “nostro” Villaggio. Ben Vinken dovrebbe essere presente al 95%. I birrai e le birre. Notizia dell’ultima ora, molto importante. Pierre Tilquin, della Guezerie Tilquin, la “nuovissima” gueuzerie belga della quale avevamo parlato poco tempo fa sarà presente al Villaggio. La Prima “uscita” al di fuori del Belgio la farà a Buonconvento, vicono Bruxelles. Un altro bel fiore all’occhiello per l’edizione di quest’anno. Alcuni dei birri che ci verrano a trovare a Settembre ci hanno già comunicato le birre che porteranno in degustazione. L’elenco, delle birre è...

Villaggio 2010

16 birrifici (+area Lambic e Oud Bruin) e 55 birre in degustazione. 1475.30 euro donati all’Associazione per la Ricerca sul Cancro. Ospiti Kuaska (Lorenzo Dabove) e Ben Vinken. Archivio Edizione 2010 Alcune impressioni sistematiche e “ragionate”, su quella bella esperienza che è stata il Villaggio di quest’anno, il quinto (forse il più faticoso, per noi). 1. La “rivincita del consumatore” la definirei, o “della sua evoluzione“. Il beershop all’interno del Villaggio è, per certi versi, postazione privilegiata e termometro adatto a misurare con una certa efficacia la temperatura della passione e della competenza. Quest’anno sono stato testimone di una vera e propria inversione di tendenza: se fino all’anno scorso la percentuale di coloro che acquistavano “autonomamente” (cioè senza aver bisogno di “un aiutino” o di dritte) si aggirava sul 20% circa, quest’anno si è più che quadruplicata. 8 “acquirenti” su 10 sono arrivati al beershop dicendomi: “voglio quella, quella e quella …”. Un bel segnale, non c’è che dire. 2. “Della civiltà del parlare“. Al Villaggio c’è verso farlo, mettersi, cioè, a sedere (o anche piazzarsi in piedi in qualche angolo tranquillo) e parlare più o meno amabilmente, soprattutto di birra e di birre, ma anche del più e del meno. E’ una dimensione, questa, che tante persone ci hanno fatto notare, con evidente piacere. E’, questo, uno dei valori aggiunti che le persone che frequentano il Villaggio hanno regalato a questo evento/manifestazione, sempre più caratterizzata dalla gente che lo frequenta, oltre che dalle birre che vi si possono trovare....

Video: Lavori Giuria e Premiazione Concorso Homebrewers 2010

In Video una fase dei Lavori della Giuria per il Concorso Homebrewers organizzato da MoBi e la premiazione finale. Il vincitore è stato Stefano Nannipieri di Livorno, che ha vinto un soggiorno di due giorni per due persone in un B&B di Watou. Riprese di Stefano Botto

Gli Homebrewers invadono il Villaggio ’09

di Marco Piraccini aka Darkav Foto di Mario Capuano Web Album Anche quest’anno, come un’orda barbarica armati di bottiglie senza etichetta e di un incredibile entusiasmo, gli homebrewer hanno invaso il Villaggio della Birra a Bibbiano. La novità di quest’anno è stata il coinvolgimento di MoBI (www.movimentobirra.it) nell’organizzazione dell’incontro. MoBI, che ha tra i suoi scopi la promozione e la diffusione dell’Homebrewing, ha accettato con entusiasmo di supportare questo evento. Domenica pomeriggio subito dopo pranzo, HB provenienti da tutta Italia hanno appoggiato le loro bottiglie in file ordinate su un tavolo appositamente predisposto. Solitamente questi incontri, molto divertenti e informali, servono anche per avere feedback sulle proprie birre. Spesso infatti gli HB, in particolare modo quelli più “isolati”, non hanno mezzi per confrontare le proprie produzioni. Inoltre le birre dei produttori casalinghi vengono considerate dagli HB stessi come dei figli, di cui spesso (troppo spesso…) non si riescono a vedere i difetti. Per rendere quindi più interessante l’incontro, quest’anno sono stati coinvolti alcuni dei birrai presenti al villaggio con l’obiettivo di dare giudizi “tecnici” e spassionati. Diversamente dai degustatori e dai giudici dei concorsi, infatti, i birrai sono in grado di dare consigli sulle materie prime e sul processo di produzione. Sono stati inizialmente coinvolti due tra i birrai presenti: Nino Baccelle (Brouwerij De Ranke) e Jef Goetelen (‘t Hofbrouwerijke). Le birre dei coraggiosi che hanno voluto sottoporsi a questo giudizio sono quindi state servite ai birrai e ai presenti. Nino e Jef, a unanime parere di tutti, si sono dimostrati estremamente disponibili e competenti. Per ogni birra chiedevano informazioni sugli ingredienti utilizzati (luppoli, malti, lieviti)...

Villaggio ’09

15 birrifici(+ area Trappiste e Lambic) e 60 birre in degustazione. 883.30 euro donati All’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro. Ospiti Kuaska (Lorenzo Dabove), Tim Webb e Mike Tessier Erano all’incirca le 1,30 di notte di domenica scorsa, nel salutarci e nel farci i complimenti per la bella riuscita dell’evento (subito ricambiati, vista la eccezionale qualità delle loro birre) uno dei mastri birrai ci ha folgorati dicendoci: “siete davvero una macchina da guerra”. Nessuno ci aveva mai “inquadrati” in questo modo, ma non nascondo che questa frase “ad effetto” ci ha proprio fatto piacere e riempiti d’orgoglio. Orgoglio, e non superbia.  Orgoglio per una creatura, il Villaggio della birra di Bibbiano … vicino Bruxelles, che ogni anno cresce sempre più solida ed equilibrata; orgoglio perché abbiamo visto solo facce serene  e contente fra le tantissime persone che sono venute a trovarci; orgoglio perché i mastri birrai, belgi e nostrali, si sono dichiarati orgogliosi essi stessi di aver preso parte a questa grande kermesse. Quest’anno, più di ogni altro, dobbiamo ringraziare subito, e di cuore tutti gli amici, italiani e non, che ci hanno aiutato a “mettere in moto” questa macchina: non era facile, i giorni a ridosso sono stati particolarmente delicati. Partire è stato difficile, ma è stato bello poi viaggiare. Considerando il tutto, ci sentiamo di dire che il quarto anno del Villaggio è stato davvero l’anno della consacrazione. Visto adesso con il distacco dovuto,  il meccanismo appare più che rodato, gli automatismi quasi naturali, e le aggiunte/modifiche messe...

Villaggio ’06 – Rassegna stampa

Il Villaggio della Birra 2006 – Il report di Kuaska Pioggia battente e conseguente stravolgimento della logistica (stand all’interno, laboratori nel pub, concerti annullati ecc.) non hanno scoraggiato Gianni e i suoi combattenti atmosfera particolare, bella e inedita in Italia cinque birrai belgi (quasi tutti per la prima volta nel nostro paese) e quattro italiani tutti rappresentanti birrerie piccole piccole, che servono le loro birre alla spina a fortunati ed intrepidi beerhunters che saltellano da una birra all’altra (a volte diversissime) con in mano il bellissimo bicchierino personalizzato (ottima idea). I fiamminghi erano proprio fiamminghi, stupendo non poco i nostri birrai (poco avvezzi al carattere chiuso e a volte respingente dei fiamminghi) i nostri non sanno che poi dopo il “disgelo” diventano latini e caciaroni mentre l’unico vallone (Grégory della Rulles) era proprio vallone (le sue risate assordanti anocra risuonano nella stanza destinata agli stand) i laboratori hanno avuto un gran successo e hanno riscaldato a dovere l’ambiente molti non hanno mancato l’occasione più unica che rara di ascoltare birrai poco conosciuti inparticolare è stata dura “intervistare muti” come Achilles e Bart (Den Hopperd) mentre Kris Boelens è stato il più brillante col suo inglese perfetto e idee “naturali” da tutti condivise le birre? beh se dico che le nostre non hanno sfigurato direi una bugia in quanto le nostre hanno…. trionfato! A parte la simpatia contagiosa dei nostri birrai, le birre erano buonissime. La Panada dei Troll era a dir poco favolosa, la Shangrila con le palle, Bi-Du con...

Iscriviti alla Newsletter

Immagini dal Villaggio

Foto Villaggio 2013

foto di Bernardo Bernardini (98)

Foto Villaggio 2012

IMG00525-20120908-0043

Foto Villaggio 2011

Bianca2011 (65)

Foto Villaggio 2010

SONY DSC

Foto Villaggio 2009

vill09-608x300

Foto Villaggio 2008

p9

Foto Villaggio 2007

IMG_3168

Foto Villaggio 2006

gruppo300